Contatti          Sedi
Bacheca    |   Login
 
Condividi Aggiungi ai preferiti Stampa Pdf

News - 08/05/2024

Fabbrica Europa, in Unindustria gli imprenditori incontrano gli eurodeputati della circoscrizione dell’Italia Centrale in vista delle elezioni UE

Camilli: "Rimettere l'industria al centro delle politiche europee"

 

Oggi mercoledì 8 maggio 2024 a Roma, presso la sede di Unindustria, si è tenuto l'incontro con i Parlamentari europei della circoscrizione dell’Italia Centrale promosso insieme alla Delegazione di Confindustria presso l’Unione Europea e al Consiglio delle Rappresentanze Regionali di Confindustria, con il supporto dell’Ufficio in Italia del Parlamento Europeo.

 

Nel corso dell'appuntamento è stato illustrato “Fabbrica Europa”, il documento programmatico di Confindustria in vista delle elezioni europee - previste dal 6 al 9 giugno 2024 - che vuole favorire il confronto sui temi strategici per lo sviluppo dell’economia e del territorio della nostra regione. All’incontro hanno partecipato circa 120 imprenditori associati tra cui il Consiglio Generale di Unindustria, oltre ai rappresentanti per i temi europei e regionali di Confindustria e della Delegazione di Confindustria presso l’Unione europea. “Fabbrica Europa” è frutto di una consultazione capillare con tutto il Sistema Associativo, a cui anche Unindustria ha contribuito con osservazioni e proposte concrete, e contiene una serie di raccomandazioni puntuali divise in dieci grandi capitoli con un unico comun denominatore: rimettere l’industria al centro dell’agenda europea, costruendo una forte politica industriale che rilanci la competitività delle imprese.

 

I lavori sono stati aperti dall'intervento del Presidente di Unindustria, Angelo Camilli: “Il documento di Confindustria "Fabbrica Europa" per le elezioni europee è un’esortazione da parte di Confindustria a rimettere l'industria al centro delle politiche europee - ha commentato Angelo Camilli Presidente di Unindustria – Il 70% della normativa italiana di riferimento ha origine dalle direttive europee e più del 50% dell’export italiano avviene nell’Ue. Il messaggio di fondo è l’urgenza di definire una vera e propria politica industriale europea che sostenga e valorizzi i comparti strategici della nostra industria e promuova, al contempo, regole e strumenti in grado di migliorare la competitività dei territori. Molti dei contenuti che abbiamo trasferito per l'elaborazione del documento sono i temi che abbiamo trattato nel piano industriale che presenteremo nei prossimi giorni al presidente della Regione Lazio Francesco Rocca.”

 

A quello del Presidente Camilli ha fatto seguito l'intervento del Direttore dell’ufficio in Italia del Parlamento europeo, Carlo Corazza, il quale ha illustrato il particolare contesto a livello economico e politico in Europa in cui si svolgerà il voto di giugno: “L’industria è fondamentale per lo sviluppo del Green dealSe noi spingiamo l’industria fuori dall’Europa peggioriamo a livello di inquinamento e indeboliamo la nostra stessa capacità di portare a termine il Green deal, con una stabilità non solo ambientale ma anche economica e sociale. Confindustria denuncia da anni una Europa che non sempre è amica dell’industria. Il Green Deal, in particolare, ha peccato di poco ascolto nei confronti delle imprese. Rafforzare la base industriale è interesse di tutti. Senza un’industria forte non è possibile perseguire quello che è il primo scopo dell’Unione, ovvero l’economia sociale di mercato. L’80 per cento della capacità di innovazione viene dall’industria e buona parte degli investimenti nel Green Deal vengono dall’industria.”

 

Le proposte del documento "Fabbrica Europa" sono state illustrate alla platea dal Delegato per l’Europa di Confindustria, Stefan Pan: “Il Parlamento europeo che sarà eletto a giugno dovrà prendere decisioni vitali per il futuro dell’Europa. Per tornare ad essere competitivi con il resto del mondo, il punto di partenza non può che essere il rafforzamento dell’Unione europea quale attore economico e politico globale, tale da portare ad un vero e proprio Rinascimento industriale nel continente. Le imprese hanno una funzione cruciale nella società, grazie alla loro capacità di produrre beni e servizi e di creare posti di lavoro di qualità. Ciò di cui hanno bisogno ora sono soluzioni concrete, ambiziose e “cantierabili”, le stesse che abbiamo voluto raccogliere in Fabbrica Europa” .

 

L'incontro è proseguito con il dibattito tra gli imprenditori associati e gli Eurodeputati italiani della circoscrizione Centro Anna Bonfrisco (ID, Lega), Beatrice Covassi (S&D, PD), Salvatore De Meo (EPP, Forza Italia), Francesca Peppucci (EPP, Forza Italia), Nicola Procaccini (ECR,Fdl), Daniela Rondinelli (S&D, PD), Camilla Laureti (PD), e i nuovi candidati Alessio D'Amato (Azione), Graziella Ciriaci (Forza Italia), Gian Domenico Caiazza (Stati Uniti d'Europa).

 

Le conclusioni sono state affidate a Vito Grassi, Vice Presidente di Confindustria e Presidente del Consiglio delle Rappresentanze Regionali di Confindustria: “Abbiamo sempre più bisogno di un’Europa unita e coesa in grado di implementare adeguate politiche per la competitività per intraprendere un nuovo cammino di sviluppo sempre più coeso.  In questo senso, sarà importante che le politiche di investimento dell’Unione europea dei prossimi anni siano la sintesi dei punti di forza di PNRR e Politica di coesione: per il PNRR, l’attenzione all’efficienza e ai risultati effettivamente raggiunti; per la Politica di coesione, il ruolo centrale dei territori nella definizione dei fabbisogni di spesa e nella declinazione in concreto delle linee di investimento. In questo modo l’Ue potrà sempre più proiettata per rispondere direttamente ai bisogni di cittadini e imprese e colmare i divari territoriali”.

 

I lavori sono stati moderati da Matteo Borsani, Direttore Affari Europei Confindustria. Di seguito alcune immagini.

 

Foto Gallery

  TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE...

  EUROPA

Imprese al centro per un'Europa competitiva

23 Febbraio 2024

Tag Articolo
Per informazioni
Direttore Generale
Tel. 0684499502
direzione@un-industria.it
×

Massimiliano Ricci




Roma

Direttore Generale

Telefono: 0684499502
Mail: direzione@un-industria.it

Temi: Direttore Generale,Direzione Generale,Direzione,Confindustria,


Tel. 0684499511
daniela.quaranta@un-industria.it
×

Daniela Quaranta Leoni




Roma

Telefono: 0684499511
Mail: daniela.quaranta@un-industria.it

Temi: economia,centro studi,sviluppo economico,statistiche,università,ricerca,trasferimento tecnologico,


Tel. 0684499287
stefano.micalone@un-industria.it
×

Stefano Micalone




Roma

Telefono: 0684499287
Mail: stefano.micalone@un-industria.it

Temi: comunicazione,media relations,press,stampa,rassegna,interviste,comunicati


Tel. 0684499260
marco.stendardo@un-industria.it
×

Marco Stendardo




Roma

Telefono: 0684499260
Mail: marco.stendardo@un-industria.it

Temi: posizionamento strategico,Università, Ricerca,Trasferimento Tecnologico,


Tel. 0684499231
daniela.marchetti@un-industria.it
×

Daniela Marchetti




Roma

Telefono: 0684499231
Mail: daniela.marchetti@un-industria.it

Temi: innovazione,trasferimento tecnologico,università,ricerca,progettazione,impianti,materiali,


Unindustria favorisce lo sviluppo
delle imprese del territorio di Roma,
Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo

Codice Fiscale 80076770587 - Fax +39 06 8542577 - PEC info@pec.un-industria.it

Do not follow or index