Contatti          Sedi
Bacheca    |   Login
 
Stampa Pdf Condividi Aggiungi ai preferiti

News - 30/01/2017

News da Bruxelles

N.4/2017 a cura di Federturismo

 COMMISSIONE EUROPEA 


Cittadinanza 

La Commissione europea ha pubblicato la terza relazione sulla cittadinanza dell’Unione in cui elenca i progressi registrati dal 2014 e descrive le azioni volte a garantire che i cittadini possano godere pienamente dei loro diritti quando lavorano, viaggiano, studiano o partecipano alle elezioni.  Dalla relazione, che si basa sui contributi forniti dai cittadini attraverso sondaggi e una consultazione pubblica, è emerso che gli europei sono più consapevoli che mai del loro status di cittadini dell'Unione e la proporzione degli europei che vogliono essere informati meglio sui loro diritti è in costante aumento. Quattro europei su cinque attribuiscono particolare importanza al diritto di libera circolazione, che consente loro di vivere, lavorare, studiare e intraprendere un'attività economica in qualsiasi parte dell'UE. (Commissione europea)


Conti pubblici italiani

La Commissione si aspetta dll'Italia "una risposta precisa a una lettera che era estremamente precisa", ha affermato il commissario Moscovici, al suo arrivo in Consiglio per i lavori dell'Eurogruppo. La lettera è quella firmata da lui stesso e dal commissario per l'Euro, Valdis Dombrovskis e inviata la scorsa settimana al ministro dell'Economia Padoan. (Rainews)
Quali sono i rischi reali di una possibile procedura d’infrazione?
La risposta l’ha fornita, parzialmente, Padoan: perdita di reputazione. L’altro rovescio della medaglia ha a che fare con la variabile politica. Esiste una maggioranza in Parlamento disposta a sostenere una correzione dei saldi di finanza pubblica, considerando che Renzi ha definito le richieste di Bruxelles «letterine ridicole per chiedere assurde correzioni sul deficit»? (Il Sole 24 Ore)


Economia circolare

La Commissione ha presentato un pacchetto di medio termine sull'economia circolare, che riferisce sull'avanzamento e sui risultati delle principali iniziative incluse nel piano d'azione del 2015. Il vicepresidente Timmermans, responsabile per lo sviluppo sostenibile, ha dichiarato: "La creazione di un'economia circolare in Europa costituisce una priorità fondamentale per questa Commissione. Oltre ai progressi già messi a segno stiamo elaborando nuove iniziative per il 2017. Siamo in procinto di chiudere il cerchio di progettazione, produzione, consumo e gestione dei rifiuti per creare un'Europa verde, circolare e competitiva." (Commissione europea, Key4Biz)



PARLAMENTO EUROPEO

Riforma dei visti dell’Area Schengen
L’Etoa, European Tourism Association, preme sull’UE e sugli Stati membri per portare avanti la riforma dei visti dell’Area Schengen, ferma dal 2014 in Commissione. Il Ceo di Etoa, Tom Jenkins, fa appello direttamente al nuovo presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani: “Il turismo crea occupazione, specialmente per i giovani. Queste riforme furono proposte nel 2014 e ora siamo nel 2017: se l’Unione Europea è seria sulla creazione di nuovo lavoro, allora deve essere seria anche sulla riforma dei visti”.
Secondo l’Etoa l’area Schengen è stata fino ad oggi un successo per il turismo: con un solo visto turisti che provengono da mercati come India e Cina possono attraversare 26 Paesi diversi. Oggi però è necessaria una riforma per andare incontro alle differenti aspettative di mercato per facilitare il turismo di lungo raggio e lo sviluppo di prodotti turistici che comprendano la visita di più nazioni.
I problemi su sicurezza e migranti vanno di pari passo con l’evoluzione della riforma ed è necessario separare il trattamento dei visti concessi per motivi umanitari dalle facilitazioni date ai turisti.
Secondo István Ujhelyi, membro della commissione trasporti e turismo al Parlamento Europeo e della delegazione per i rapporti con la Cina: “L’Europa ha bisogno di ulteriori miglioramenti al processo di concessione dei visti Schengen e di una maggiore collaborazione tra gli Stati Membri. Il 2018 sarà l’anno europeo del turismo UE – Cina e l’Unione deve essere nella posizione di rispondere a queste sollecitazioni. Mi appello ai colleghi del Parlamento e agli Stati membri, in particolare quelli che non hanno abbastanza risorse per fornire servizi consolari adeguati nei mercati chiave per il turismo europeo, affinché sostengano le proposte della Commissione. La questione vitale di una risposta Europea al fenomeno delle migrazioni e delle crisi umanitarie non deve danneggiare le misure pensate per promuovere il turismo”. (ETOA)
 
Commissione ambiente

La commissione Ambiente ha approvato ieri a larghissima maggioranza la sua posizione sul pacchetto "economia circolare", che contiene nuove norme UE su gestione dei rifiuti urbani, spreco alimentare, discariche, rifiuti elettronici e imballaggi. (ANSA)
Nel rapporto firmato dall'italiana Simona Bonafè (S&D), gli eurodeputati propongono di alzare l'asticella su tutti gli obiettivi fissati dalla bozza legislativa presentata a fine 2015 dalla Commissione europea. In particolare, il riciclo dei rifiuti urbani dovrà raggiungere il 70% al 2030 (invece del 65%), quello degli imballaggi l'80% (in luogo del 75%) e l'obbligo di riduzione della percentuale del conferito in discarica è fissato al 5% (la Commissione proponeva il 10%). 


Commissione commercio internazionale

Il 24 gennaio è stato dato il via libera al trattato di libero scambio tra UE e Canada. Il Ceta, che potrebbe entrare in vigore già ad aprile 2017, rimuoverà le tariffe doganali sulla maggior parte dei beni e servizi scambiati tra l'Unione europea e il mercato canadese, oltre a garantire il riconoscimento reciproco alle certificazioni per un ampio ventaglio di prodotti. (AnsaEuropa)


Commissioni parlamentari

Dopo l’elezione di Tajani alla presidenza del PE sono molti gli italiani che ricoprono posizioni di responsabilità all’interno del PE. Tra i riconfermati David Sassoli, Patrizia Toia e Roberto Gualtieri. (AnsaEuropa)
Proponiamo un'interessante infografica con i nomi e le nazionalità di tutti i presidenti delle commissioni parlamentari. 


CONSIGLIO DELL’UE

Eurogruppo

Il 26 gennaio si sono riuniti i Ministri della zona euro. In agenda: la Grecia, dove si è discusso dei progressi conseguiti finora nel secondo riesame in corso del programma di aggiustamento macroeconomico; la sorveglianza post-programma in Irlanda e Portogallo; le raccomandazioni 2017 per la zona euro nel contesto del semestre europeo, qui l’Eurogruppo ha affrontato il progetto di raccomandazione del Consiglio sulla politica economica della zona euro per il 2017. 
Qui le dichiarazioni di Dijsselbloem dopo l'incontro e le conclusioni sul budget di Spagna e Lituania. 


ECOFIN

I ministri dell'economia dei 28 Stati Membri si sono riuniti il 27 gennaio. L'ecofin adotterà le conclusioni sull'analisi annuale della crescita per il 2017, che segna l'avvio del semestre europeo 2017 e sulla relazione sul meccanismo di allerta, che costituisce la base per la procedura 2017 per gli squilibri macroeconomici. Il Consiglio inoltre ha approvato un progetto di raccomandazione sulla politica economica della zona euro. (Consiglio)


BREXIT

La Brexit deve passare dal Parlamento, lo ha deciso la Corte Suprema. Sarà necessario un voto della camera dei Comuni e della camera dei Lord per decidere di dare formalmente inizio all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea e notificare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona. 
Annunciata da Theresa May la presentazione al Parlamento di un libro bianco sul piano della Brexit  in vista del voto. (Guardian).
La Premier inglese ha incontrato venerdì 27 gennaio il Presidente Trump. Commercio, Nato, Siria e terrorismo gli argomenti sul tavolo. La May ha parlato ai deputati repubblicani del Congresso di una "special relationship" fra Regno Unito e Stati Uniti.


EUROSTAT
Eurostat ha pubblicato i dati delle presenze negli hotel dell’Ue nel 2016, l’Italia è in terza posizione. Durante lo scorso anno, il numero di presenze è cresciuto del 2% rispetto al 2015, arrivando a quota 2,8 miliardi. Il primo paese in classifica è la Spagna (454 milioni di presenze, +7,8%), seguita dalla Francia (395 milioni, -4,6%, per l’allarme terrorismo) e dall’Italia (395 milioni, +0,5%). Rispetto al forte segno più messo a punto dalla Spagna, la performance dell’Italia, appena positiva, lascia un po’ di amaro in bocca. Si poteva e si può fare di più. Nelle posizioni seguenti delle top five, Germania (390 mln, +2,8%) e Regno Unito (292 mln, -4,5%).
Eurostat evidenzia anche che il numero dei pernottamenti nel 2016 è aumentato in quasi tutti gli Stati membri per i quali sono disponibili i dati. Le crescite maggiori sono relative a Bulgaria (+17,9%) e Slovacchia (+16%), seguite da Polonia (11,8%) e Cipro (+10,9%).
Per quanto riguarda l’Italia, ad alimentare la crescita sono state soprattutto le presenze dei turisti non residenti nel Paese, che hanno raggiunto i 196 milioni. (Report eurostat)


EVENTI

Conferenza della Commissione Europea sullo sviluppo della Blue economy nel Mediterraneo occidentale

La Commissione Europea, in collaborazione con l'Unione per il Mediterraneo, ha organizzato per il 2 febbraio a Barcellona una conferenza di stakeholder sul tema dello sviluppo sostenibile della Blue economy nel Mediterraneo occidentale. L'evento intende promuovere un confronto e dibattito tra i rappresentanti delle istituzioni e gli operatori dei paesi del Mediterraneo occidentale (Portogallo, Spagna, Francia, Italia, Malta, Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania) che operano nel settore marittimo per lo sviluppo di un’offerta di turismo sostenibile integrata.
Il Presidente di Assomarinas, Roberto Perocchio, interverrà come relatore, in rappresentanza degli operatori dei porti turistici.
(Per maggiori informazioni cliccare qui)

Unindustria favorisce lo sviluppo
delle imprese del territorio di Roma,
Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo

Codice Fiscale 80076770587 - Fax +39 06 8542577 - PEC info@pec.un-industria.it

Do not follow or index